Women and Tudor Tragedy, Feminizing Counsel and Representing Gender. Di Allyna E. Ward.

Giada Goracci

Abstract


Durante il periodo Tudor lo sviluppo delle idee riguardanti il genere ed il ruolo della donna all’interno della società, nello specifico la donna come scrittrice o personaggio letterario e politico, rappresenta il punto centrale della revisione sul gender che caratterizzò la nascente Europa moderna. L’opera di Ward descrive il processo attraverso il quale, durante il regno dei Tudor, l’attenzione verso la cultura e la politica passa da una male-oriented structure tanto agognata da Enrico VIII a una che, paradossalmente, viene governata da donne: prima da Maria Tudor e poi da Elisabetta Tudor. Partendo da una introduzione sul regno di Enrico VIII l’attenzione si concentra su quello che, secondo Ward, fu l’atto che cambiò la struttura sociale dell’Inghilterra del Cinquecento, l’Atto di Successione. Il documento, infatti, ebbe un impatto fondamentale sul pensiero del periodo in merito al ruolo delle donne in politica in quanto riconosceva Lady Mary e Lady Elizabeth Tudor come eredi di diritto al trono inglese in caso di morte di Enrico VIII, di eventuali figli avuti con Catherine Parr, e di suo figlio Edoardo.

Keywords


Tudor tragedy

Full Text:

PDF


DOI: https://doi.org/10.13136/2281-4582/2013.i2.583

Refbacks

  • There are currently no refbacks.