Deserti domestici: epistemologia del segreto in Other Desert Cities

Gianna Fusco

Abstract


Other Desert Cities è senza dubbio tra le produzioni teatrali di maggiore successo negli Stati Uniti degli ultimi anni, un dramma scritto da un Jon Robin Baitz in stato di grazia, a giudicare dalle recensioni quasi unanimemente entusiaste e dal grande riscontro di pubblico e critica. Andato in scena per la prima volta Off Broadway nel gennaio 2011, il dramma riceve un’accoglienza che consacra Baitz quale autore finalmente maturo, e viene poi portato sui palcoscenici di Broadway a novembre dello stesso anno, con minime variazioni di cast e critiche ancora più positive per un lavoro che sembra avere acquisito ulteriore carattere e incisività. Dopo avere vinto l’Outer Circle Award for Outstanding New Off-Broadway Play (2011), la produzione andata in scena al Booth Theatre di Broadway viene nominata per cinque Tony Awards nel 2012 e il testo è tra i finalisti del Pulitzer Prize for Drama nello stesso anno. Per Baitz si tratta di un successo che segna il ritorno al teatro dopo una parentesi professionale di sei anni nei quali si dedica alla televisione creando la serie Brothers and Sisters per ABC e scrivendone le prime stagioni, fino alla risoluzione del contratto con l’emittente nel corso dello sciopero degli sceneggiatori del 2007-8. È lo stesso Baitz, noto come drammaturgo estremamente promettente agli inizi della sua carriera, 3 a ribadire come Other Desert Cities sia stato il progetto in cui ha riversato le frustrazioni derivanti dalla sua esperienza televisiva e il tipo di conflitti familiari e politici che il rapporto con l’emittente ABC gli aveva impedito di fare emergere in Brothers and Sisters, tanto che la serie diventa di fatto una narrazione che l’autore sentirà non appartenergli mai del tutto.

Keywords


literature; American literature; American theater; Jon Robin Baitz

Full Text:

PDF (Italiano)


DOI: https://doi.org/10.13136/2281-4582/2014.i4.715

Refbacks

  • There are currently no refbacks.