Fiesta e il giro dei Paesi Baschi

Kevin J. Hayes, Nicholas Foletti

Abstract


Lasciando Pamplona, dove nel luglio 1925 avevano assistito alla festa di San Firmino con alcuni loro amici parigini, Ernest e Hadley Hemingway prolungarono la vacanza per godersi insieme qualche momento più tranquillo dopo la frenesia di quell’evento. Andarono a sud, a Madrid, per vedere qualche altra corrida e visitare il Prado, che ben presto divenne uno dei luoghi della città preferiti da Hemingway. Nonostante tutti quei nuovi stimoli, Hemingway a stento riusciva a non pensare all’incredibile settimana che avevano trascorso a Pamplona durante la festa. Tutto quello che era successo là aveva cominciato a fondersi nella sua mente, assumendo nuova vita come materiale per un romanzo. Furono i suoi amici a ispirargli i personaggi: Lady Duff Twysden suggerì il modello per Brett Ashley; Harold Loeb sarebbe diventato Robert Cohn; i tratti di Bill Smith e Donald Ogden Stewart si sarebbero combinati per creare il personaggio di Bill Gorton. Hemingway si accorse di avere le carte in regola per scrivere un grande romanzo. Stava anche arrivando alla conclusione che le vacanze erano un buon momento per dedicarsi alla scrittura. Invece di aspettare fino a quando lui e Hadley sarebbero tornati a Parigi, Hemingway iniziò la stesura del nuovo lavoro a Madrid. Il risultato sarebbe stato Fiesta–Il sole sorge ancora.


Full Text:

PDF


DOI: https://doi.org/10.13136/2281-4582/2016.i8.581

Refbacks

  • There are currently no refbacks.